Riff20: il programma del River Film Festival e le nuove date

Nei giorni scorsi vi abbiamo aggiornato sui social riguardo le nuove date del River Film Festival.

Originariamente la 14esima edizione doveva iniziare proprio oggi e per un lungo periodo abbiamo valutato la possibilità di spostarci online ed offrire una kermesse tutta digitale nelle date originarie: un’iniziativa di per sè bellissima, portata avanti da molti festival, e che ha reso possibile a tutti noi il fruire della cultura in queste settimane di isolamento.  Noi stessi abbiamo voluto sostenerla offrendovi il Covid19 Emergency – Shorts Program che ci ha accompagnato nelle due giornate della Fase 1.

Ma il desiderio di guardare tutti assieme i nuovi, bellissimi corti dell’edizione 2020 su quel fiume che ci accompagna ormai da 14 anni era forte e così abbiamo deciso di provarci: il 14esimo River Film Festival si svolgerà infatti dall’1 al 20 settembre, sempre nella sua cornice originaria del Portello di Padova.

I corti in programma al RiFF20

Torneremo ad aggiornarvi nelle prossime settimane sulla programmazione delle specifiche sezioni, ma oggi veniamo a voi per presentarvi, finalmente, la lineup di quest’anno, fatta di alcuni dei lavori che più si sono distinti nel mondo nell’ultimo anno di festival e da alcuni inediti che ci hanno sorpreso per i loro contenuti e la loro costruzione.

Nuove sezioni, alcune che ci accompagnano ormai da anni e più di 100 corti provenienti dai più vari paesi del mondo (Italia, Iran, Turchia, Serbia, Islanda, Francia, Argentina, Colombia e molti altri).

Lineup del 14esimo River Film Festival

VIRTUAL REALITY

ARIPI Dmitri Voloshin / 2019 / Moldavia / 7 min.
VR FREE Milad Tangshir / 2019 / Italia / 10 min.
GO / Sandro Zollinger, Roman Vital / 2020 / Svizzera / 25 min.
DAUGHTERS OF CHIBOK Joel Kachi Benson / 2019 / Nigeria / 11 min.
AFTER THE FALLOUT Sam Wolson and Dominic Nahr / 2019 / Svizzera-USA / 15 min.
LIFE-GIVER Petter Lindblad and Alexander Rönnberg / 2019 / Svezia / 12 min.

SGUARDI ITALIANI / Italian looks

RONDINI Riccardo Petrillo / 2019 / Italia / 11 min.
LUNEDÌ Massimo Fallai / 2019 / Italia / 16 min.
YOURBNB Francesco Tasselli / 2019 / Italia / 30 min.
MATERIA CELESTE Andrea Gatopoulos / 2019 / Italia / 15 min.
NON PUO’- IT CAN’T BE Luca Vecchi / 2019 / Italia / 6 min.
IL NOSTRO TEMPO Veronica Spedicati / 2019 / Italia / 16 min.
THE MISSING TRAIT Riccardo Roan / 2019 / Italia / 9 min.

QUEER SHORTS

FROM GREY TO POSITHIVE Juan De La Mar Franco / 2019 / Colombia / 18 min.
LAC DAUMESNIL Thomas Devouge / 2019 / Francia / 19 min.
BLUE BOY Manuel Abramovich / 2019 / Germania / 19 min.
134 Sarah-Jane Drummey / 2019 / Irlanda / 12 min.
I AM MACKENZIE Artemis Anastasiadou / 2019 / USA / 20 min.
EXIT BEIRUT Eli Salameh / 2019 / Libano / 8 min.
WILD GRASS – AYRIK OTU Doğuş Minsin / 2019 / Turchia / 11 min.

ORIZZONTI INTERNAZIONALI / International horizons

DANYA AND I Nadja Bobyleva / 2019 / Germania / 9 min.
SHELL Anna Ozar / 2019 / Russia / 14 min.
CHARON Alexander Maslov / 2019 / Russia / 15 min.
TOUCH Nir Berger / 2019 / Israele / 25 min.
TERRITORY Cedric Vella / 2019 / Malta / 13 min.
TO FEEL YOUR BROKEN ARMS Emilia Ruiz / 2019 / Spagna /14 min.
ANNA Dekel Berenson / 2019 / Ucraina / 15 min.
ALINA Rami Kodeih / USA / 25 min.
THE FEAST OF THE GOAT Saeed Zamanian / 2019 / Iran / 12 min.
ECHO Tomasz Janczar / 2019 / Poland / 27 min.
SPANDEX Michael Kunov / 2019 / Danimarca / 23 min.
GOSAL Soheil Amirsharifi / Iran / 15 min.
WEEKEND Ario Motevaghe / 2019 / Iran / 7 min.
THE STAIN Shoresh Vakili / 2019 / Iran / 13 min.
UN DÍA Annalisa Vozza /2019/ Colombia / 18 min.
SALON Zgjim Terziqi / 2019 / Kosovo / 14 min.
GOM Ali Navaeian / 2019 / Iran / 19 min.
DRAGON’S TAIL Saeed Keshavarz / 2019 / Iran / 18 min.
CAPSULE-EXTINTOR Rodrigo Sopeña / 2019 / Spagna / 4 min.
MEZZAGIORNATA Alice Rotiroti / 2020 / Italia / 20 min.
G.K. Inan Erbil / 2019 / Turchia / 20 min.
ORADA Zeynep Köprülü / 2019 / Turchia /17 min.
SIN LUGAR PARA EL DESCANSO Cristóbal J. López / 2019 / Cile / 15 min.
BANALITY Balázs Simonyi / 2019 / Ungheria / 12 min.
REBIRTH / ÚJJÁSZÜLETÉS Linda Dombrovszky / 2019 / Ungheria / 12 min.
ANTILOPE Diego Murillo / 2019 / Venezuela / 14 min.
SOMEBODY AND NOBODY Joscha Douma / 2019 / Germania / 28 min.
THOSE BEAUTIFUL MOMENTS Vasily Chuprina / 2019 / Olanda / 14 min.
LETTERS TO GOD Yves Cohen / 2019 / Israel / 15 min.
MILA Andreas Vakalios / 2019 / Grecia / 15 min.
ROCKOUT Alice Gadbled / 2019 / Belgio / 22 min.
FIGURANT Jan Vejnar / 2019 / Repubblica Ceca / 14 min.
SCARCITY Przemek Węgrzyn / 2019 / Islanda-Polonia / 14 min.
AS UP TO NOW / AHOGY EDDIG Katalin Moldovai / 2019 / Ungheria / 24 min.
THE VANDERER Julie Annlie / 2019 / Danimarca / 25 min.
STOLPERSTEINE Reza Sam Mosadegh / 2019 / Germania / 13 min.

ANIMAZIONE / Animation

DAUGHTER Daria Kashcheeva / 2019 / Repubblica Ceca / 15 min.
HELFER Anna Szöllősi / 2020 / Ungheria / 10 min.
LAH GAH / Cécile Brun / 2019 / Switzerland / 6 min.
LOST AND FOUND Shimon Engel, Ofer Winter / 2019 / Australia / 4 min.
RAIN Piotr Milczarek / 2019 / Polonia / 5 min.
CORRERE Nicholas Bertini / 2020 / Italia / 4 min.
PULSION Pedro Casavecchia / 2019 / Argentina / 7 min.
METAMORPHOSIS Juan Fran Jacinto, Carla Pereira / 2019 / Francia / 10 min.
HURLEVENT Frederic Doazan / 2019 / Francia / 6 min.
MONTAGNE Louise Cailliez / 2019 / Francia / 18 min.
SAIGON SUR MARNE Aude Ha Leplege / 2019 / Francia / 14 min.
GREYISH Eghbal Shirzaei / 2019 / Iran / 4 min.
TELVE Elif Dokur / 2019 / Turchia / 4 min.
VERSO LE STELLE Antonello Piccione / 2019 / Italia / 8 min.
HESAR / GATE Farnaz Ohadi / 2020 / Canada / 5 min.
LAST SUPPER Piotr Dumała / 2019 / Polonia / 13 min.
FLY A KITE Martin Smatana / 2019 / Repubblica Ceca / 13 min.
OVERBOARD! Hynek Trojánek / 2019 / Repubblica Ceca / 10 min.
SH_T HAPPENS Dávid Tumpf / 2019 / Repubblica Ceca / 13 min.
GASTANKO Alex Posova / 2019 / Slovachia / 8 min.
ENTROPIA Flóra Anna Buda / 2019 / Ungheria / 10 min.
MATCHES Géza M. Tóth / 2019 / Ungheria / 11 min.
WILD BEASTS Marta Prokopová & Michal Blank / 2019 / Slovachia / 9 min.
TO THE DUSTY SEA Héloïse Ferlay / 2020 / Francia / 12 min.

DOCUMENTARI /Documentaries

BELIEF / Luca De Santis / 2019 / Italia / 26 min.
NEVER GIVE UP / Jonathan Schörnig / 2019 / Malta / 15 min.
I WISH I’M NOT PALESTINIAN / Feda Naser / 2019 / Palestina / 16 min.
AS VEZES QUE NÃO ESTOU LÁ / Dandara de Morais / 2019 / Brasile / 25 min.
ABOUT HAIR Josefina Lubojacki / 2019 / Repubblica Ceca / 17 min.
THE MAGICIANST OF THE MERLIN MAGICAL SOCIETY Abdullai Adejumo / 2019 / UK / 28 min.
FINISH LINE Saeed Mayahy / 2019 / Iran / 12 min.
OUR TERRITORY Mathieu Volpe / 2019 / Belgio / 20 min.
ARCTIC CYRCUS / Gudmund Sand and Haakon Sand / 2020 / Norvegia / 25 min.
MAFFY’S JAZZ Deniz Yüksel Abalıoğlu / 2019 / Turchia / 30 min.
GELECEĞIMIZIISTIYORUZ Atom Şaşkal / 2019 / Turchia / 13 min.

SCUOLE DI CINEMA / Film schools

ALMA NEL BRANCO Agnese Làposi / 2019 / Svizzera / 25 min.
LA PETITE FOLIE Massimo Zannoni / 2019 / Inghilterra / 13 min.
ROUND 0 Sonia Ladidà Schiavone / 2019 / Islanda / 19 min.
BAMBILAND Danilo Stanimirović / 2019 / Serbia / 22 min.
BLUE REVERIE Siting Yang / 2019 / USA / 20 min.
DON’T BE A PUSSY Barbora Saxová / 2019 / Repubblica Ceca / 20 min.
REVOLVO Francy Fabritz / 2019 / Germania / 8 min.
HIS CANNIBAL GRANNY Dessislava Nikolova-Besedin / 2019 / Bulgaria / 16 min.
LEGACY / ODKAZ Daniel Kazankov / 2019 / Slovachia / 21 min.
THE STAMP Lovro Mrđen / 2019 / Croazia / 19 min.
MEMORIES OF A STRANGER Tommaso Frangini / 2019 / USA / 14 min.
F FOR FREAKS Sabine Ehrl / 2019 / Germania / 30 min.
THE WALLET Ravid Maimon / 2019 / Israele / 27 min.
RABBITS Riley Sugars / 2019  / Australia


Continuate a seguirci su Facebook per scoprire più da vicino i titoli in programma. 

Covid19 Emergency – Shorts Program

Il River Film Festival dà il via ad un’iniziativa per far fronte a questo periodo di crisi.

Covid19 Emergency – Shorts Program” è un evento digitale che rimarrà attivo su Facebook fino alla fine del periodo di emergenza.

Ogni settimana verranno resi disponibili ai nostri follower alcuni corti di animazione che hanno preso parte alle precedenti edizioni del River Film Festival. Una scelta, quella della sezione animazione, che mira a raggiungere tutti, piccoli e grandi, e che vuole puntare sulla bellezza, piuttosto che sui drammi che ci stanno toccando da vicino in queste settimane.

I primi dieci corti, direttamente dal programma del RiFF19, saranno disponibili dal 26 marzo fino al 30 marzo e potranno essere visualizzati sulla pagina dell’evento e a questo indirizzo.

Scorri la galleria per vedere i corti in programma.

River in città – Venerdì 22 special Joris Ivens: Ivens, Mattei e la RAI, storia di un film censurato e poi scomparso

Intestazione

In attesa della decima edizione del River Film Festival (Porta Portello, dal 28 maggio al 10 giugno 2016), l’ultima settimana di RIVER in CITTÀ si chiude venerdì 22 aprile con una giornata dedicata al maestro Joris Ivens, regista, sceneggiatore, montatore, direttore della fotografia, produttore e attore olandese, ritenuto uno dei più grandi documentaristi del XX secolo.

 

Si comincia alle ore 17 all’Università (sala delle Edicole, piazza Capitaniato 3) con “Ivens, Mattei e la RAI: storia di un film censurato e poi scomparso”. Ne parlerà il regista Stefano Missio, che poi presenterà il suo film documentario in 16mm “Quando l’Italia non era un paese povero” (1997, 42 min.), che racconta le vicende del quasi omonimo film di Joris Ivens del 1960 “L’Italia non è un paese povero”. Un film, quest’ultimo, commissionato a Ivens da Enrico Mattei per documentare lo sviluppo industriale del nostro Paese. Uno straordinario ritratto cinematografico dell’Italia di quegli anni, al quale lavorarono accanto a Ivens i fratelli Taviani, Valentino Orsini, Tinto Brass, Alberto Moravia, Enrico Maria Salerno. Un film ancora oggi visto da pochissime persone, a causa di incredibili difficoltà di distribuzione, che nella versione originale è visionabile in Italia soltanto presso la Cineteca Nazionale di Roma.

In serata il cinema Fronte del Porto (dalle ore 20 in poi) proietterà alcune fra le più belle opere di Ivens, fra le quali l’ultima, il bellissimo e poetico Une Histoire de Vent (1988), documentario “magico” sull’aria, i suoi effetti e la sua influenza sulle tradizioni cinesi.

TUTTI GLI EVENTI SONO A INGRESSO LIBERO

 

APPUNTAMENTO ALLA DECIMA EDIZIONE DEL RIVER FILM FESTIVAL

(28 Maggio – 10 Giugno 2016)

Storia di un film censurato e poi scomparso: L’Italia non è un paese povero (1960)

Regia: Joris Ivens, con la collaborazione di Valentino Orsini, Paolo Taviani; commento: Alberto Moravia, Corrado Sofia; voce narrante: Enrico M. Salerno; fotografia: Mario Dolci, Oberdan Troiani, Mario Volpi; musica: Gino Marinuzzi; montaggio: Elena Travisi, Maria Cenciarelli, Misa Gabrini; origine: Italia; produzione: Proa Produttori Associati; durata: 110′

 

Nel 1959 Enrico Mattei, ex partigiano, democristiano e capitalista di Stato, chiede a Joris Ivens, già allora uno dei più grandi documentaristi della storia del cinema, di realizzare un film sul crescente impegno dell’Eni ­ di cui era presidente ­ nell’attività di estrazione del petrolio e del metano in Italia e nella costruzione della prima centrale nucleare a Latina. Mattei vuole un documentario di propaganda sul futuro sviluppo industriale del paese ­ la disponibilità di energia ne era il necessario presupposto ­ e soprattuttosull’obiettivo di indipendenza dal monopolio petrolifero angloamericano rappresentato dalle “sette sorelle”, le sette più grandi compagnie multinazionali che controllavano allora il mercato mondiale del petrolio.

Joris Ivens si mette al lavoro solo dopo aver consultato i più alti dirigenti del Partito comunista italiano e dopo avere avuto ampie assicurazioni da Mattei circa la propria libertà espressiva. Ad Ivens viene inoltre garantito che il documentario sarà trasmesso dalla Rai e che avrà grande diffusione e visibilità internazionale. Il film viene terminato nei primi mesi del 1960, si intitola L’Italia non è un paese povero.

Come c’era da aspettarsi da Ivens, il film non è solo, come lo chiameremmo oggi, uno “spot” a favore dell’Eni e del suo presidente. È anche e soprattutto uno straordinario ritratto cinematografico, per sensibilità e complessità, dell’Italia di quegli anni. La vicenda produttiva di questo film, in cui lavorarono accanto a Ivens i fratelli Taviani, Valentino Orsini, Tinto Brass, Alberto Moravia, Enrico Maria Salerno, meriterebbe un racconto a sé. Il film, infatti, piace a Mattei, ma viene contestato dalla Rai, che lo manda in onda a tarda ora, nell’estate del 1960, in una versione ridotta e depurata, con il titolo Frammenti di un film di Joris Ivens.

Rispetto a pochi mesi prima, la situazione politica in Italia è cambiata. A capo del governo c’è Fernando Tambroni, appoggiato dai neofascisti del Movimento sociale. Enrico Mattei, organico alla sinistra democristiana e quindi avversario interno di Tambroni, non può sostenere il film, impegnato com’è a difendere l’Eni dalla politica filo atlantica, quindi filo americana, del governo in carica. Inoltre, senza visto di censura, la versione integrale del film non può uscire dall’Italia: la successiva diffusione internazionale de L’Italia non è un paese povero è poco meno di un romanzo. Ancora oggi il film, nella versione originale è visionabile in Italia soltanto presso la Cineteca Nazionale di Roma.

L’Italia non è un paese povero è diviso in tre parti: la prima di queste, Fuochi della valle del Po, riguarda la ricerca e la distribuzione del metano nella pianura padana. La seconda parte è a sua volta divisa in due episodi: Due città dedicato a Venezia e Ravenna e alla produzione del gas, e La storia dei due alberi, dove viene messo a confronto un albero di olive, da cui dipende la vita di sette povere famiglie di contadini, con un “albero di Natale”, l’attrezzatura che controlla l’imboccatura dei pozzi di petrolio e gas, ed i suoi benefici.

La terza parte Appuntamento a Gela, ruota intorno al matrimonio tra una ragazza siciliana ed un uomo del Nord Italia, che lavora su una piattaforma off­shore. Il regista utilizza in questo film tecniche innovative come la “camera a mano”, una diversa modulazione della velocità della pellicola e modalità operative mutuate dalla televisione.

 

VENERDÌ 22 APRILE 2016

Università degli Studi di Padova – Sala delle Edicole (piazza Capitaniato 3)

17:00-18:00 Ivens, Mattei e la RAI: storia di un film censurato e poi scomparso

Stefano Missio – Regista

18:00-19:00 Quando l’Italia non era un paese povero (1997, 42 min.)

Cinema Fronte del Porto, via S. Maria Assunta, 20 Padova

20:00-22:00 Joris Ivens, Regen (1929, Paesi Bassi, 14 min.), Indonesia Calling (1946, Australia, 23 min.), Misère au Borinage (1983, Belgio 36 min.)

22:00-24:00 Joris Ivens, Une Histoire de Vent (1988, Francia, 80 min.)

 

 

Info: www.riverfilmfestival.org

Associazione Culturale Researching Movies Via F. Marzolo 34 A – 35131 Padova

Ufficio Stampa: Marco Bevilacqua, tel. 329 9331324 e-mail: marco.bevilacqua.14@alice.it