premiaizone_03

Vincitori 2019

GOLDEN RIVER MIGLIOR CORTO SCUOLE DI CINEMA

A YEAR – JISUN JAMIE KIM

Attraverso una narrazione lucida e attenta, il film ci conduce in un villaggio dell’Himalaya dove una donna lotta per offrire una vita migliore alle sue giovani figlie. Ma l’unica opzione possibile sembra essere la maternità surrogata, una scelta che stravolgerà la sua quotidianità e diventerà un dilemma bruciante. Lo sguardo cinematografico dell’autrice diventa un sentire poetico, si trasforma in un peculiare linguaggio estetico e narrativo capace di analizzare in maniera delicata un difficile problema sociale.

Through a lucid and careful storytelling, the film takes us in a Himalayan village where a woman yearns to provide a better life for her young daughters. But the only possible option she sees is surrogacy – a choice that will explode her domestic tranquility and become a searing dilemma. The cinematographic gaze of the author become a poetic feeling, a beautiful way to investigate a delicate social problem.

 

GOLDEN RIVER MIGLIOR CORTO ITALIANO

MON CLOCHARD – GIAN MARCO PEZZOLI

Attraverso una sceneggiatura delicata e una lucida regia, il film delinea un intreccio tematico che tocca uno dei principali problemi dell’Italia contemporanea: la difficoltà nell’accettare lo “straniero” e il “diverso”. Il film ha infatti come protagonista Davide, un insegnante frustrato che vive con sua moglie e suo figlio in un tranquillo condominio di periferia. La sua routine quotidiana sarà interrotta quando uno dei suoi vicini accoglie un senzatetto nel cortile dell’edificio.

Through a delicate storytelling and a lucid direction, the film outline a thematic interweaving that touches upon one the main problem of contemporary Italy: the difficulty in accepting the “stranger” and the “different”. Davide is a frustrated teacher who lives with his wife and son in a quiet apartment building in the suburbs. His daily routine is disrupted when one of his neighbors welcomes a homeless man in the building’s courtyard.

 

GOLDEN RIVER MIGLIOR CORTO INTERNAZIONALE

FAUVE – JEREMY COMTE

Nell’accattivante cortometraggio “Fauve” di Jeremy Comte, due ragazzi giocano attorno ad una miniera, dando inizio ad un gioco di potere apparentemente innocente. La loro complicità si evolverà in uno scontro in cui entrambi vorranno prevalere sull’altro. L’autore, affascinato dal rapporto tra natura e psiche umana e da come si manifestano i tratti primitivi dell’uomo, crea una potente sceneggiatura capace di provocare forti nel pubblico emozioni viscerali grazie alla sua straordinaria e misteriosa autenticità.

In Jeremy Comte’s captivating short “Fauve”, set in a surface mine, two boys sink into a seemingly innocent power game with Mother Nature as the sole observer.

The author, fascinated by the relationship between nature and human psychology and by how our primitive traits manifest themselves, creates a powerful screenplay with an uncanny authenticity that provokes strong visceral emotions in audiences.

 

 

GOLDEN RIVER MIGLIOR CORTO DI ANIMAZIONE

FACING IT – SAM GAINSBOROUGH
Utilizzando un mix di tecniche diverse capaci di creare un mondo in stop motion a grandezza naturale, il film ci racconta come le relazioni che viviamo nelle nostre vite, scolpiscano e cambino ciò che siamo. L’eleganza espressiva e la poetica dell’autore che caratterizzano il film, creano uno storytelling in grado di attivare sequenze di suggestioni e momenti di lirica sospensione.

Using a mix of different techniques that creates a life-sized stop motion world, the film tells us how the relationships we live throughout our lives, sculpt and change who we are. The expressive elegance and the authorial poetics that characterize the film, create a storytelling able to activate sequences of suggestions and moments of lyrical suspension.

 

GOLDEN RIVER MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO

THE RED TREE – PAUL ROWLEY

L”albero rosso” è un cortometraggio potente e poetico che racconta la storia poco nota degli omosessuali italiani arrestati ed esiliati in un’isola remota durante il regime fascista di Mussolini. In bilico tra realtà documentaria e fiction cinematografica, il lavoro è guidato da una logica autoriale che crea un evocativo documento di vita attraverso un peculiare ed innovativo stile narrativo ed estetico.

“The red tree” is a powerful and poetic short film that tells the little known history of Italian gay men being arrested and exiled to a remote island during Mussolini’s Fascist regime. In balance between documentary and film fiction, the work is driven by an authorial logic that creates an evocative document of life through an exalting narrative and aesthetic style.

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

IN THE DARK ROOM – LUIGI ABANTO VARESE
“In the dark room” rappresenta un poetico incontro con l’iconica fotografa spagnola Cristina Garcia Rodero, membro dell’agenzia Magnum Photos. Combinando temi personali e universali, l’autore riesce a creare un film sperimentale ed evocativo che conduce per mano il pubblico nella vita della famosa fotografa.

“In the dark room” is a poetic meeting with the famous Spanish photographer, Cristina Garcia Rodero, member of the Magnum Photos Agency. Combining personal and universal themes, the author creates an experimental and evocative film that takes the audience in the life of the famous photographer.

RiFF19 PREMIO DEL PUBBLICO

VIRTUAL REALITY

SENEGAL DETOUR Stefano Sburlati / Italia 2019 / 10 min.

FILM FESTIVAL IN FOCUS

CHUCHOTAGE Barnabás Tóth / Mexico / Uruguay / 2018 / 16 min.

SCUOLE DI CINEMA

A YEAR Jisun Jamie Lee / USA 2018 / 14 min.

CORTI ITALIANI

LOVE ME Nicola Schito / 2019 / 18 min.

INTERNATIONAL SHORT

LAMBETH LIGHTS Luca Bertoluzzi / Regno Unito 2018 / 24 min.

ANIMAZIONE

FACING IT Sam Gainsborough / Francia 2018 / 7 min.

DOCUMENTARI

LE CASE CHE ERAVAMO Arianna Lodeserto / Italia 2018 / 18 min.

SUPER CORTI

FLANEUR Holly Warburton / Regno Unito 2018 4 min.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *