Comunicati 2018

comunicatiBanner

12th River Film Festival

Porta Portello – Padova

Martedì 19 giugno

La confessione del serial killer.

Storie di eredità e di crimini inconfessabili

In competizione i primi 9 corti italiani

Martedì sera, come sempre alle 22, la scalinata del Portello si apre sullo scenario dei corti italiani. Sarà la prima delle due serate del River Film Festival dedicate al cinema nazionale: in concorso 18 cortometraggi, 9 in proiezione martedì e altrettanti domani, mercoledì.

Protagoniste sono storie ad alto tasso di adrenalina. Come “La barba” di Alfredo Mazzara (miglior cortometraggio al Social World Film Festival), che racconta di una ricchissima e inattesa eredità, o “Le sconfessioni” di Pasquale Cangiano, in cui si rivive, attraverso un colloquio con un prete, un atroce delitto.

A metà fra il thrilling e il giallo psicologico è invece “Respira” di Cristiano Anania (premio per la miglior regia allo Sciacca Film Festival e per la miglior fotografia al Villammare Film Festival), claustrofobica vicenda di due amanti bloccati all’interno di un inquietante magazzino.

Di tutt’altro tenore, anche se ugualmente tormentata, la storia raccontata da “L’ombra della sposa” di Alessandra Pescetta, che in 11 minuti rivive gli ultimi istanti di vita di alcuni soldati che nelle profondità del Mediterraneo, durante la seconda guerra mondiale, si consumano insieme ai loro pensieri. Mentre sprofondano inesorabilmente in quel mare ammaliante e crudele, le lettere di un marito alla moglie risuonano d’amore.

Martedì 19 giugno ore 22:00

LA BARBA Alfredo Mazzara / 2017 / 14 min.

LA PARTITA Frank Jerky / 2017 / 18 min.

LE SCONFESSION Pasquale Cangiano / 2017 / 13 min.

RESPIRA Cristiano Anania / 2017 / 15 min.

L’OMBRA DELLA SPOSA Alessandra Pescetta / 2017 / 11 min.

SORROW OF YOUNG NARCOS Andrea D’Emilio / 2017 / 16 min.

THE STORYCOLLECTOR Lisa Maria Kerschbaumer / 2018 / 15 min.

ALONE TOGETHER Daniele Lince / 2017 / 8 min.

SAM BODY Davide Morando / 2018 / 12 min.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *